Per i 50 anni della scomparsa, la sua terra celebra Totò

Era il 14 novembre 1977 quando, durante la trasmissione "Bontà Loro" condotta dal giornalista Maurizio Costanzo, la signora Franca Faldini, compagna del grande Totò, nome d'arte di Antonio de Curtis, fino alla sua morte, ricordò un pensiero del grande attore :

« Al mio funerale sarà bello assai perché ci saranno parole, paroloni, elogi, mi scopriranno un grande attore: perché questo è un bellissimo Paese, in cui però per venire riconosciuti qualcosa, bisogna morire. »

La celebrazione della grandezza di Antonio de Curtis in arte Totò

A 50 anni dalla morte del grande Totò, avvenuta il 15 aprile 1967 a Roma, la sua terra, la Campania, dedica a questo suo grande figlio, artista e soprattutto uomo, una serie di manifestazione per celebrarne il mito.

La Regione Campania ha organizzato diverse manifestazioni per celebrare il mito di Totò, ma anche per mostrare al pubblico la vita e la storia di Antonio Griffo Focas Flavio Angelo Ducas Comneno Porfiro-genito Gagliardi de Curtis di Bisanzio in breve Antonio de Curtis.

Si parte il 12 aprile con l'apertura "Totò Genio"

La mostra curata da Vincenzo Mollica e da Alessandro Nicosia sarà allestita al Maschio Angioino, a Palazzo Reale e a San Domenico Maggiore, sarà aperta dal 12 aprile al 9 luglio e sarà, per i tanti ammiratori , un profondo respiro nella vita di questo grande artista, genio indiscusso dell'arte attoriale.

Una mostra itinerante dove si potrà ammirare tantissimo materiale: dal famoso baule dal quale Totò non si separava mai, ai 97 manifesti dei film che lo hanno visto protagonista fino ad ammirare molti contributi video a foto  inedite, di  un Antonio de Curtis giovane, alle prime esperienze.

Manifestazioni tra musica e spettacolo, tra arte e ricordi.

Dal sito napolidavivere, riportiamo le date di altri eventi:

  • Il 15 aprile 2017 nel Rione Sanità, dove nacque Totò sarà inaugurata l’opera di Giuseppe Desiato, dal titolo “Totó l’uomo tutto d’un pezzo che ha lasciato un grande vuoto”, che sarà sistemata in Largo Vita alla Sanità;
  • dal 15 aprile saranno  ricostruiti alcuni set cinematografici proprio dove furono a suo tempo girati i film. Probabili set anche a Roma, alla fontana di Trevi, e Milano, nella stazione centrale;
  • A metà aprile Renzo Arbore presenterà dall’auditorium del Centro di produzione Rai di Napoli la “Serata Totó” in omaggio all’artista e alla sua città natale.
  • Da metà aprile tante visite, percorsi enogastronomici laboratori e attività sportive per i bambini con il programma “Totò, l’arte, l’umanità” nel Rione Sanità in collaborazione con la Fondazione Comunità San Gennaro.
  • Da metà aprile anche diversi concerti dell’orchestra giovanile del rione Sanità “Sanitansamble” A fine aprile un concerto di chiusura “Benvenuti al Rione Sanità” con la partecipazione di Gigi e Ross, Francesco Cicchellla, Pasquale Palma, Andrea Sannino, Serena Autieri, special guest Clementino e probabilmente Alessandro Siani in Piazza Sanità
  • Giovedì 27 aprile, al Teatro Trianon, si terrà lo spettacolo “Totó che tragedia!” che porta sulle scene l’amore di Antonio De Curtis con la ballerina Liliana Castagnola.
  • Domenica 7 maggio, all’Auditorium RAI o al Teatro Trianon la Nuova orchestra Scarlatti porterà sulla scena “La Sinfonia di Totó” ideata e orchestrata da Federico Odling in collaborazione con.
  • A giugno assieme all’Università Suor Orsola Benincasa ci sarà “Diagonale Totó” con vari film in cartellone e il restauro di “Miseria e Nobiltà”, film di Mario Mattoli del 1954 realizzato dalla Fondazione Film Commission, assieme al Centro sperimentale di cinematografia – Cineteca nazionale di Roma.

 

Taggato , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *