Dichiarazione Situazione Reddituale (RED): normativa INPS 2017

DICHIARAZIONE RED 2017

Il modello RED è la dichiarazione della situazione reddituale che l'INPS impone per alcune categorie di pensionati.

A differenza delle altre dichiarazioni reddituali (730 e UNICO), il pensionato non dichiara spese in detrazione e in deduzione, ma solo redditi di pensione, redditi catastali e altri redditi percepiti durante l'anno precedente.

Vediamo insieme le modalità.


Modello RED 2017: di cosa parliamo

Il modello RED per le dichiarazioni reddituali pensionati rappresenta lo strumento, obbligatorio, con il quale i pensionati informano l’INPS rispetto al reddito e alle erogazioni previdenziali e assistenziali integrative ad esso collegate, anche del coniuge e dei componenti del nucleo rilevanti per la prestazione.

Tale modello contiene le informazioni fondamentali in base alle quali l’INPS accerta il diritto e l’esatto importo della pensione per tutti i contribuenti che rientrano nella suddetta circostanza.

L'INPS non invia comunicazioni cartacee ai pensionati residenti in Italia per richiedere le dichiarazioni reddituali al fine di verificare il diritto alle prestazioni percepite collegate al reddito.

Il modello RED va inviato esclusivamente per via telematica entro la scadenza prevista per la presentazione della dichiarazione dei redditi, ovvero il 30 settembre.

Non inviando il modello, l’erogazione viene sospesa, ma dalla sospensione si avranno 60 giorni di tempo per regolarizzare la dichiarazione con la prestazione che sarà quindi riattivata.

Modello RED 2017: chi deve presentarlo

Devono obbligatoriamente rendere la dichiarazione reddituale all'INPS:

  • I pensionati che non hanno altri redditi oltre a quello da pensione (propri e se previsto dei familiari) se la situazione reddituale è variata rispetto a quella dichiarata l'anno precedente.
  • I titolari di prestazioni collegate al reddito che non comunicano integralmente all'amministrazione finanziaria tutti i redditi sulle prestazioni, perché influenti sulle prestazioni e perché non devono essere comunicati all'Agenzia delle Entrate con la dichiarazione dei redditi (modello 730 o Unico).
  • Coloro che sono esonerati dall'obbligo di presentazione all'Agenzia delle Entrate della dichiarazione dei redditi e in possesso di redditi ulteriori a quelli da pensione. Per esempio coloro che hanno un reddito da pensione e un reddito da abitazione principale.
  • I titolari di alcune tipologie di redditi rilevanti ai fini previdenziali e che si dichiarano in maniera diversa ai fini fiscali all'Agenzia delle Entrate (modelli 730 o Unico), come per esempio, i redditi derivanti da collaborazione coordinata e continuativa o assimilati e lavoro autonomo, anche occasionale.

Non devono presentare all'INPS la dichiarazione reddituale i pensionati residenti in Italia beneficiari delle prestazioni collegate al reddito che abbiano già dichiarato all'Agenzia delle Entrate (tramite modello 730 o Unico) integralmente tutti i redditi (propri e se previsto dei familiari) che rilevano sulle prestazioni collegate al reddito in godimento. In questi casi l'INPS acquisirà le informazioni reddituali rilevanti per le prestazioni collegate al reddito direttamente dall'Agenzia delle Entrate o da altre banche dati delle pubbliche amministrazioni, come previsto dalla legge.

Modello RED 2017: comunicazioni INPS

La circolare 30 novembre 2015 n. 195 individua i soggetti obbligati alla dichiarazione reddituale all'INPS e mette in evidenza i casi in cui rilevano non solo i redditi del titolare della prestazione, ma anche quelli del coniuge o dei familiari.